UNEP: i sei grandi temi ambientali del 2018

Barriere coralline, inquinamento da plastica, sostenibilità ambientale nello sport, migranti, città e riscaldamento globale, grandi felini a rischio: questi, secondo l’UNEP, i grandi temi ambientali su cui puntare i riflettori nel 2018.

Il 2018 non sarà esente da sfide dal punto di vista ambientale. Anzi, per molti versi sarà un anno cruciale per tentare di arginare alcuni fra i più annosi problemi che assillano una Terra in sofferenza. Il Programma Ambientale delle Nazioni Unite (UNEP), autorità statunitense in tema di agenda ambientale internazionale e sviluppo sostenibile, ha identificato per il 2018 sei green topics, su cui concentrare gli sforzi e catalizzare l’attenzione dell’opinione pubblica mondiale. Ciascuna di queste possiede criticità e necessita di un intervento tempestivo da parte dei principali decision maker.

  1. Barriere coralline

L’International Coral Reef Initiative ha proclamato il 2018 Anno Internazionale delle Barriere Coralline, l’anno “dell’ora o mai più” per salvarle. L’UNEP ha inoltre iniziato un’analisi dettagliata dello stato delle barriere coralline del Pacifico. D’altra parte, con i tre quarti del corallo del mondo a rischio, la situazione è drammatica: l’aumento delle temperature degli oceani, la loro acidificazione, la pesca indiscriminata e l’inquinamento -soprattutto da plastica- non aiutano di certo, esasperando il quadro.

  1. Inquinamento da plastica

Suolo, fiumi, laghi, oceani: la dispersione e l’accumulo di prodotti plastici nell’ambiente è una delle problematiche più soffocanti e degenerative dei nostri tempi. Non stupisce dunque che l’Assemblea del Programma Ambientale delle Nazioni Unite del 2017 abbia stabilito che obiettivo fondamentale del 2018 sarebbe stato minimizzare l’inquinamento da materiali plastici tramite il ritiro graduale delle shopper monouso, il divieto di utilizzo di microsfere nei cosmetici, e la promozione di alternative sostenibili.

  1. Sostenibilità ambientale nello sport

Con i Giochi Olimpici Invernali di Pyeongchang, Corea del Sud, il Campionato del Mondo di calcio in Russia e i Giochi Olimpici Giovanili a Buenos Aires, nel 2018 molti riflettori saranno puntati sul mondo dello sport. Annunci di misure per ridurre l’impatto di questi grandi eventi avrebbero una risonanza internazionale amplissima. Un’opportunità che, secondo quanto afferma l’UNEP, molte importanti organizzazioni sportive sfrutteranno.

  1. Migranti ambientali

Il riscaldamento globale, le sue cause e i suoi effetti hanno contribuito ad esacerbare un fenomeno migratorio imponente, mettendo in marcia milioni di persone in fuga da fenomeni meteorologici estremi. Per studiare una strategia globale capace di arginare il problema, in termini di prevenzione e accoglienza, a dicembre la comunità internazionale si riunirà in Marocco.

5. Città e riscaldamento globale

Archiviata la convinzione che il riscaldamento globale sia un fenomeno intangibile e lontano, le città diventano il luogo privilegiato per mettere in campo strategie e misure per combatterlo. Obiettivi del 2018 sono che le grandi città assumano un ruolo di guida, da un lato, nel ridurre le emissioni nocive, dall’altro nello sviluppo di iniziative innovative che forniscano resilienza al fenomeno. Sotto questo punto di vista, momenti topici in programma sono la Conferenza delle Città Resilienti a Bonn ad aprile, il Global Climate Action Summit a San Francisco a settembre.

  1. Grandi felini

Nel corso del secolo scorso, nel mondo le tigri si sono ridotte del 95%. In soli vent’anni, la popolazione di leoni in Africa è calata del 40%. E poi leopardi delle nevi, giaguari, linci… nessuno fra queste specie è in salvo. Compromissione degli habitat a loro più congeniali e bracconaggio le maggiori cause di questa strage. A fronte di tutto ciò L’UNEP prospetta, dunque, che il 2018 riservi finalmente ai grandi felini l’attenzione che meritano.

Questi i green topics e i propositi per affrontarli al meglio. Questo 2018 sarà all’altezza delle sfide che gli si prospettano?

You may also like...

Iscriviti alla Newsletter!

Iscriviti per non perdere le news di Nonsoloambiente!