UEFA EURO 2016: sostenibilità sugli spalti degli Europei di calcio?

UEFA EURO 2016: sostenibilità sugli spalti degli Europei di calcio?

La UEFA EURO 2016 mira alla sostenibilità. Dopo il bilancio “One year to go report”, sono molte le iniziative per ridurre l’impatto ambientale, economico e sociale dell’evento. Fino alla redazione di un report post-Europei, quando si tireranno le somme in termini di risultati raggiunti.

Calcio d’inizio effettuato, i Campionati Europei di Calcio hanno preso il via. Parlare di sostenibilità riguardo ad eventi di queste dimensioni non è semplice, ma l’edizione francese intende invertire la rotta. Sulla carta e, si spera, nei fatti.

La decisione di certificare ISO 20121 UEFA EURO 2016 nasce proprio da questo proposito. “Abbiamo l’enorme responsabilità di andare incontro alle aspettative dei nostri padroni di casa e ospiti, e di lasciare un’eredità positiva per il futuro” ha commentatoMichel Platini, Presidente UEFA, in occasione del lancio del bilancio di responsabilità e sostenibilità “One year to go report”nel quale sono state presentate tutte le azioni volte ad ottenere la certificazione per gli eventi sostenibili. “Il mondo interò starà lì a guardare la palla che inizia a rotolare […] e l’interesse ambientale, economico e sociale è alto. Sono già in atto iniziative interne ed esterne per far sì che UEFA EURO 2016 abbia un impatto quanto più possibile proficuo, in sé stesso ma anche nello stabilire nuovi standard e nel trarre insegnamenti utili ai tornei futuri”.

Ridurre l’impronta ecologica del torneo, misurare i benefici economici in relazione alla possibilità di dare nuova destinazione agli impianti e alle ricadute positive sulle città ospitanti, integrare una dimensione sociale all’interno dei campionati sono i tre macro-obiettivi dichiarati. Una puntuale rendicontazione e il coinvolgimento dei vari portatori d’interesse per la fase di riutilizzo delle infrastrutture completano il quadro degli intenti virtuosi.

Nello specifico, dei dieci stadi che ospitano le partite, quattro sono stati costruiti dal nulla (una concessione che pesa non poco sull’impatto ambientale), mentre gli altri hanno subito un riammodernamento. Per quel che riguarda le nuove costruzioni, il diritto della medaglia prevede che siano totalmente integrati nella realtà urbana delle singole città dove, a partire dalla fine degli Europei, dovrebbero ospitare una serie di altre attività.

D’altro canto, per sensibilizzare il pubblico è stato messo a punto per i tifosi l’Eco-Calcolatore di UEFA Euro2016, uno strumento che rende possibile il calcolo delle emissioni di CO2 dei propri spostamenti. Tutti gli stadi sono muniti di indicatori di consumo elettrico, mentre le fan zones allestite nelle diverse località ospiteranno una serie di incontri mirati sulla sostenibilità dei grandi eventi sportivi. Per quanto riguarda la gestione dei rifiuti, la regola d’oro sarà la classica formula di riduzione, riuso e riciclo.

Svuotatisi gli spalti, infine, nell’autunno 2016 è prevista la redazione di un report post-evento, che ripercorrerà passo dopo passo obiettivi e risultati raggiunti. Tirando le somme sulla base delle parole d’ordine integrità, inclusione, buona gestione e trasparenza. “L’asticella per UEFA EURO 2016 è stata posizionata in alto, ma siamo chiaramente sul giusto cammino e sono personalmente convinto che le aspettative saranno pienamente soddisfatte” ha concluso Platini nella sua nota di commento. Ci auguriamo che abbia ragione.

You may also like...

Iscriviti alla Newsletter!

Iscriviti per non perdere le news di Nonsoloambiente!