Il Bosco Verticale di Milano è il grattacielo più green e più bello del mondo

E’ a Milano il grattacielo più bello del mondo: il Bosco Verticale ha vinto l’International Highrise Award, il concorso indetto dal Museo di Architettura di Francoforte.

E’ a Milano il grattacielo più bello del mondo: il Bosco Verticale ha vinto l’International Highrise Award, il concorso indetto dal Museo di Architettura di Francoforte.

Sorge a Milano, in zona Porta Nuova, il Bosco Verticale, un grattacielo ricco di verde, che si erge nel capoluogo lombardo come “espressione del bisogno umano di essere a contatto con la natura”.

Il Bosco Verticale, progettato da Boeri Studio e realizzato da Hines Italia, è un complesso architettonico formato da due edifici, ricoperti da circa mille diversi esemplari di piante, situato nella zona adiacente ai Giardini di Porta Nuova.

L’obiettivo di questo progetto è quello di proporre ai cittadini un’esperienza abitativa immersa nel verde, a stretto contatto con la natura.

I due grattacieli, di centodieci metri d’altezza uno, e ottanta l’altro, si inseriscono in un’area verde di circa 8.000 metri quadrati, che comprende anche il Giardino De Castillia.

Il Bosco Verticale, oltre ad offrire appartamenti confortevoli e dotati delle più moderne tecnologie, è assolutamente sostenibile dal punto di vista ambientale, in quanto riduce le escursioni termiche, contribuendo alla produzione di ossigeno e assicurando un significativo assorbimento delle polveri sottili.

Tra più di 800 opere concorrenti all’edizione 2014 del premio International Highrise Award, concorso promosso dal Museo di Architettura di Francoforte e finanziato da DekaBank, il Bosco Verticale milanese è stato eletto “il grattacielo più bello del mondo”.

Ogni due anni, dal 2003, la giuria dell’International Higrise Award elegge l’edificio più alto, bello e innovativo del mondo, prendendo in considerazione criteri come la sostenibilità ambientale, il design, l’utilizzo delle nuove tecnologie e il perfetto inserimento del grattacielo nel contesto urbano.

Con una prima selezione, i giurati hanno scelto i 26 edifici migliori, e nel mese di settembre scorso, il Bosco Verticale fu proclamato uno dei cinque finalisti del premio insieme ai grattacieli di Amsterdam, Sidney, Barcellona, e Chengdu (Cina).

Grande sorpresa e felicità per la proclamazione finale, doppiamente importante per la città di Milano anche in vista di Expo 2015.

Il presidente della giuria, Christoph Ingenhoven, ha dichiarato: “Il Bosco Verticale è un progetto meraviglioso! Espressione del bisogno umano di contatto con la natura. I grattacieli boscosi sono un vivido esempio di simbiosi tra architettura e natura. Il progetto è un’idea radicale e coraggiosa per le città di domani, rappresenta sicuramente un modello per lo sviluppo di aree ad alta densità di popolazione in altri paesi europei”.

Stefano Boeri ha commentato così la vittoria: “Sono molto contento perché il premio che è stato assegnato al Bosco Verticale rappresenta un riconoscimento all’innovazione nell’ambito dell’architettura. E’ un invito a pensare all’architettura come un’anticipazione del futuro per ognuno di noi, non solo come l’affermazione di uno stile o di un linguaggio. Il Bosco Verticale è una nuova idea di grattacielo, in cui alberi e umani convivono. E’ il primo esempio al mondo di una torre che arricchisce di biodiversità vegetale e faunistica la città che lo accoglie. Sono felice per Milano, per Expo, e ringrazio chi ha promosso e sostenuto il nostro progetto, a partire da Hines Italia e dalle associazioni del quartiere Isola”.

You may also like...

Iscriviti alla Newsletter!

Iscriviti per non perdere le news di Nonsoloambiente!