Una Road Map per rivoluzionare la mobilità sostenibile italiana

È stato realizzato un documento per la mobilità sostenibile che contiene indicazioni per la riduzione delle emissioni di gas inquinanti del 60% entro il 2050.

Ora, non ci sono più scuse: la Road Map italiana per la mobilità sostenibile è una realtà. Il documento “Elementi per una Road Map della mobilità”, redatto da 80 stakeholder con il supporto del RSE (Ricerca Sistema Energetico), è stato presentato a Roma alla presenza del Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini.

Il documento è la conclusione del percorso iniziato al tavolo tenutosi nel 2016 e contiene linee guida per la decarbonizzazione dei consumi energetici, la riduzione delle emissioni e per la creazione di opportunità di sviluppo economico e sociale, con l’obiettivo di ridurre le emissioni di gas serra del 60% entro il 2050.
Dalle parole, un primo passaggio ai fatti interesserà i bus italiani, in buona parte obsoleti: più di 8.000 autobus cittadini sono euro 0 o euro 1. Per la loro sostituzione sono stati stanziati quattro miliardi e 300 milioni di euro su un piano quadriennale, i quali potranno venire integrati dalle aziende di trasporto pubblico per un totale di 7 miliardi di euro.
Il documento mette in luce, inoltre, la necessità di promuovere la competitività delle filiere nazionali del trasporto orientando la mobilità verso l’efficienza e la sostenibilità e intervenendo sulla tecnologia dei mezzi di trasporto al fine di ridurne l’impatto inquinante.

Per questo, le linee guida prevedono anche una serie di misure volte a incentivare la sostenibilità del trasporto privato: tra queste, l’incentivazione allo smart working, alla mobilità su due ruote, allo sviluppo della mobilità a gas e a idrogeno. I centri urbani sono inoltre tenuti a sviluppare car sharing e incentivare all’uso dei trasporti pubblici. Di certo, su quest’ultimo fronte, c’è ampio spazio di crescita: secondo i dati citati dal viceministro Nencini durante la presentazione della Road Map, la mobilità degli italiani passa oggi per il 75% dalle automobili, mentre cicli e motocicli costituiscono circa il 4.6%.
Per assicurarsi che le considerazioni si tramutino in reale cambiamento, 45 realtà tra stakeholder, associazioni ambientalistiche, case automobilistiche, imprese energetiche e Adiconsum con unica Associazione Consumatori hanno sottoscritto un ulteriore documento, contente le “Raccomandazioni degli stakeholder del tavolo della mobilità sostenibile”, fornendo indicazioni pratiche e suddividendo il campo d’azione in tre aree sinergiche.

Tre le parole d’ordine:
Avoiding – ridurre la necessità di trasporto e la lunghezza dei percorsi
Shifting – cambiare le abitudini di mobilità in favore di mezzi efficienti e sostenibili
Improving – migliorare l’efficienza dei veicoli e dei mezzi di trasporto pubblico.

Affinché il cambiamento abbia luogo e possa davvero radicalizzarsi, infatti, è necessario vincere una doppia sfida: da una parte quella tecnologica, dall’altra quella, forse ancora più difficile, giocata sul campo delle decisioni quotidiane responsabili da parte di ogni individuo.

You may also like...

Iscriviti alla Newsletter!

Iscriviti per non perdere le news di Nonsoloambiente!