Ecobonus, dal 2018 cessione del credito anche per abitazioni private

L’estensione della possibilità di cedere i benefici fiscali punta a incentivare la riqualificazione energetica del patrimonio immobiliare italiano.

Una piccola crescita, ancora moltissima strada da fare: questa, in estrema sintesi, la condizione energetica del patrimonio immobiliare italiano. I più recenti dati raccolti da uno studio condotto a Enea, FIAIP e I-Com ha rilevato un aumento dello 0,5% degli interventi di riqualificazione energetica nel corso del 2017. La maggioranza delle compravendite, però, ha interessato edifici a bassa efficienza: nel 56% dei casi si è trattato di immobili in classe G (la peggiore), nel 24% dei casi di immobili nelle classi E ed F, il 13% nelle classi C e D e solo il 7% nelle classi A e B, ovvero quelle con maggiore efficienza.

Da anni l’Ecobonus punta a incentivare il miglioramento energetico del patrimonio immobiliare italiano: l’agevolazione prevede la possibilità di detrarre fino al 65% delle spese sostenute per gli interventi di riqualificazione, con una rateizzazione su dieci anni. La misura è stata confermata fino al 2021, con una recente novità: l’estensione della possibilità di cedere il credito.

Fino ad oggi, infatti, è stato possibile cedere il credito maturato con interventi di riqualificazione delle parti comuni degli edifici a fornitori e a privati, mentre la Legge di Bilancio 2018 (L.205/2017) ha reso possibile ricorrere alla cessione anche nel caso di interventi su immobili privati. Ciò significa che è possibile ottenere uno sconto immediato sulle spese da sostenere, mentre il privato o il fornitore recupererà il resto della somma tramite l’agevolazione fiscale che gli verrà trasferita.

L’Ecobonus può essere ceduto a tutti i fornitori coinvolti nell’intervento, organismi associativi, inclusi consorzi e società consortili anche se partecipati da soggetti finanziari (che però non possono detenere il controllo o una quota maggioritaria dei consorzi o delle società), Energy Service Companies (ESCO), Società di Servizi Energetici (Sse).

Una circolare dell’Agenzia delle Entrate ha inoltre specificato che il credito d’imposta non può essere ceduto a istituti di credito e intermediari autorizzati dalla Banca d’Italia all’esercizio dell’attività di concessione di finanziamenti e iscritti nell’albo previsto dall’articolo 106 del Testo unico bancario (D.lgs. 385/1993), fatto salvo il caso in cui ci si trovi in situazioni di incapienza. Divieto anche per tutte le società classificabili nel settore delle società finanziarie: i Confidi con volumi di attività pari o superiori ai 150 milioni di euro, le società fiduciarie, i servicer delle operazioni di cartolarizzazione, le società di cartolarizzazione.

L’intento è quello di favorire ulteriormente il ricorso all’Ecobonus, grazie al quale già sono stati riscontrati risultati interessanti: nel triennio 2014-2017, il Rapporto Enea indica un risparmio energetico pari al 15% sul territorio nazionale. Lo studio ha inoltre messo in luce come l’80% degli interventi di efficientamento energetico realizzati nel corso del 2017 hanno riguardato immobili precedenti agli anni Ottanta, a conferma dell’effettiva vetustà del patrimonio immobiliare nazionale. In totale gli interventi sono stati 420mila, per una spesa complessiva di 3,7 miliardi di euro.

You may also like...

Iscriviti alla Newsletter!

Iscriviti per non perdere le news di Nonsoloambiente!