Biometano e biocarburanti nei trasporti: il nuovo decreto in vigore

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del 19 marzo 2018, è entrato ufficialmente in vigore il decreto che incentiva l’impiego di biometano e biocarburanti nel settore dei trasporti.

Il decreto sull’impiego del biometano nei trasporti è stato tra i provvedimenti più attesi per gli operatori del campo agroalimentare e per chi si occupa di smaltimento rifiuti; finalmente, dal 20 marzo, il decreto è ufficialmente entrato in vigore.

L’obiettivo principale del decreto è quello di sostituire biocarburanti per lo più di importazione (biodiesel) con biometano prodotto sul territorio, promuovendo la filiera nazionale, aiutando il ciclo dei rifiuti (Forsu) e gli agricoltori nazionali.

Con questa premessa, l’Italia si prefigge un obiettivo da raggiungere entro il 2020: il 10% del consumo di energia rinnovabile nel settore dei trasporti.

Ma cosa prevede esattamente il decreto e quali sono i punti di forza più rilevanti? Riportando una dichiarazione di Piero Gattoni, presidente Cib, Consorzio italiano biogas, “il biometano potrà favorire la decarbonizzazione del parco circolante degli autoveicoli con alimentazione a metano, che si stima in 1 milione di mezzi in Italia, senza contare le potenzialità delle riconversioni dei motori diesel in dual fuel. Dunque un’opzione immediatamente disponibile e a costi contenuti”.

Da qui è semplice capire perché il biometano rappresenti una grande risorsa, che potrebbe creare, secondo i dati Althesys, più di 21mila nuovi posti di lavoro e producendo un totale di 85,8 miliardi di euro di ricadute economiche positive, di cui 17,7 miliardi di euro nell’uso elettrico, 15 miliardi di euro nel settore dei trasporti e 53,1 miliardi grazie all’immissione nella rete.

Cosa prevede il decreto

Sicuramente l’emissione del decreto biometano è in linea con le Direttive UE relative alla promozione dell’energia da fonte rinnovabile e dalla cosiddetta direttiva “ILUC”, legata ai biocarburanti e al cambiamento indiretto di destinazione dei terreni.

Tutte le manovre previste dal decreto non hanno alcun peso sul consumatore e non incidono sulle bollette di gas o elettricità. L’intera manovra viene finanziata dai “soggetti obbligati” (operatori economici che vendono benzina e gasolio, e che quindi hanno da tempo l’obbligo di immetterne una parte sotto forma di biocarburanti, che quindi è oggi già incluso nel prezzo finale alla pompa).

Punti salienti

Gli aspetti fondamentali che caratterizzano la manovra contenuta nel decreto sono riassumibili in questi punti, citati nel provvedimento:

  • Vengono rilasciati al produttore di biometano immesso nella rete del gas naturale ed un numero di Certificati di Immissione in Consumo di biocarburante (CIC)
  • Il produttore trasmette mensilmente al GSE i dati a consuntivo relativi al biometano immesso in consumo nei trasporti entro il mese successivo a quello cui la produzione si riferisce
  • Il GSE riconosce al produttore stesso il valore dei corrispondenti CIC attribuendo a ciascun certificato un valore pari a 375 euro a certificato per la quantità massima annua
  • Chi produce biocarburante avanzato diverso dal biometano provvede autonomamente alla vendita di tali biocarburanti ai soggetti obbligati e con i quali hanno un contratto di fornitura, ai fini della successiva immissione in consumo nel settore dei trasporti
  • Il GSE ritira il biometano avanzato che viene immesso nelle reti con l’obbligo di connessione di terzi.

You may also like...

Iscriviti alla Newsletter!

Iscriviti per non perdere le news di Nonsoloambiente!