Australia: nuova cella solare super efficiente

Un team di ricercatori dell’Università del New South Wales in Australia ha realizzato una cella solare in grado di convertire oltre il 40% della luce solare in elettricità.

Un team di ricercatori dell’Università del New South Wales in Australia ha realizzato una cella solare in grado di convertire oltre il 40% della luce solare in elettricità.

Celle solari super efficienti capaci di trasformare in energia elettrica oltre il 40% della luce che colpisce l’impianto attraverso l’utilizzo di uno speciale filtro ottico. A svilupparle è stato un gruppo di scienziati della University of New South Wales (UNSW) in Australia, che ha approntato un prototipo che lascia invariata la funzione di base delle celle solari ma differisce da quelle ora normalmente in uso per il modo in cui vengono utilizzate.

“Abbiamo utilizzato celle solari commerciali, ma in un modo nuovo, in modo che questi miglioramenti di efficienza siano facilmente accessibili per l’industria solare”, ha spiegato Mark Keevers che ha gestito il progetto.

Attraverso un particolare filtro a banda, che a intervalli permette il passaggio di alcune lunghezze d’onda della luce o le riflette, il sistema è in grado di catturare la luce solare normalmente sprecata dagli altri impianti fotovoltaici.
Sono due le fasi previste dal nuovo sistema. Nella prima, tre pannelli solari vengono montati per catturare energia da differenti lunghezze d’onda di luce solare. Nella seconda, la luce in eccesso dai pannelli viene diretta da uno specchio e da filtri verso quarta cella fotovoltaica che utilizza l’energia che altrimenti sarebbe scartata.

L’equipe di ricerca, finanziata dall’Australian Renewable Energy Agency (ARENA) e dall’Institute for Advanced Photovoltaics (AUSIAPV), afferma che con questo tipo di tecnologia, le celle solari possono raggiungere fino al 40% di efficienza, il doppio rispetto a quanto di poteva sperare di ottenere quando furono inventate le prime celle alla fine degli anni ’80.

Il risultato, sottoposto a verifica indipendente dal National Renewable Energy Laboratory in Usa, eclissa i record precedenti senza ricorrere a speciali cellule fotovoltaiche di laboratorio, non disponibili in commercio. I ricercatori australiani ritengono che ora la loro tecnologia possa aprire nuove strade per l’industria delle celle solari rendendo l’energia rinnovabile più economica e aumentando la sua competitività.

L’Australia sta investendo molto nelle fonti rinnovabili e in particolare nelle torri solari. Non a caso la nuova tecnologia sviluppata dalla University of New South Wales è stata studiata proprio per incrementare il tasso di conversione della luce solare convogliata dalle torri.

You may also like...

Iscriviti alla Newsletter!

Iscriviti per non perdere le news di Nonsoloambiente!