Recupero alluminio: Italia capofila d’Europa

Continua a crescere la raccolta differenziata degli imballaggi dell’alluminio, che nel 2014 ha raggiunto il 79,2% del totale immesso sul mercato.

Continua a crescere la raccolta differenziata degli imballaggi dell’alluminio, che nel 2014 ha raggiunto il 79,2% del totale immesso sul mercato.

L’alluminio è uno dei materiali più eco sostenibili del comparto imballaggi: il suo recupero può essere totale e può avvenire infinite volte, per un ciclo che, idealmente, può arrivare a non necessitare mai di nuova materia prima. La lotta allo spreco è, in questo campo, particolarmente rilevante in termini di risparmio energetico e di rispetto ambientale.

Su questo fronte l’Italia può vantare da molti anni una filiera d’eccellenza: nella classifica dei Paesi più virtuosi dal punto di vista dell’alluminio, al Giappone e agli Stati Uniti fa seguito l’Italia, che si conferma prima in Europa per la totalità di alluminio riciclato.

Ad annunciare la notizia è il CiAl (Consorzio imballaggi Alluminio), tramite la diffusione dei dati ufficiali del recupero dell’alluminio avvenuto nel corso del 2014. Confermando la tendenza degli ultimi anni, anche il 2014 si è confermato in crescita, con un aumento del 6% del materiale raccolto rispetto ai dodici mesi precedenti.

In termini di volume, questo dato si traduce in 50.200 tonnellate di alluminio avviato al riciclo o al recupero energetico, pari al 79,2% del totale immesso sul mercato. Il margine di crescita non dipende soltanto dalle buone pratiche messe in atto dai cittadini, ma anche dalle possibilità che vengono loro offerte: sebbene la raccolta dell’alluminio sia in crescita costante, essa non è ancora possibile in tutti i Comuni italiani.

Più in dettaglio, sono 6.670 i Comuni italiani nei quali è attiva la raccolta differenziata degli imballaggi in alluminio, pari all’83% del totale. Su questo fronte, il Consorzio continua a lavorare in modo attivo: ad oggi, sono 202 le imprese consorziate e 457 i soggetti convenzionati. 218 piattaforme e 11 fonderie sparse sul territorio nazionale garantiscono l’efficienza della filiera del riciclo.

Così è stato possibile avviare al riciclo, nel corso del 2014, 47.100 tonnellate di imballaggi in alluminio, mentre 3.100 tonnellate costituiscono gli imballaggi sottili sfruttati per la termovalorizzazione. Ne è derivato un risparmio energetico pare a 133mila tonnellate equivalenti petrolio e una riduzione delle emissioni di Co2 pari a 402milla tonnellate. Il 2015 ci avvicinerà ancora di più al recupero totale dell’alluminio immesso sul mercato?

You may also like...

Iscriviti alla Newsletter!

Iscriviti per non perdere le news di Nonsoloambiente!