Rifiuti RAEE: nel 2014 raccolta in crescita del 2,56% in Italia

Presentato ieri a Milano il 7° Rapporto Annuale sul sistema di ritiro e trattamento dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE). Nel 2014 si è registrata una crescita sia della raccolta dei RAEE (+2,56%) sia dei Centri di Conferimento (+1%).

Presentato ieri a Milano il 7° Rapporto Annuale sul sistema di ritiro e trattamento dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE). Nel 2014 in crescita sia la raccolta dei RAEE (+2,56%) sia i Centri di Conferimento (+1%).

Dopo un 2013 con il segno negativo, tornano finalmente a crescere i dati relativi alla raccolta dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche in Italia con un incremento pari al 2,56%. La raccolta complessiva gestita dai Sistemi Collettivi è stata pari a 231.717.031 kg, con un incremento di quasi 6 milioni di chilogrammi rispetto all’anno precedente e un dato medio pro capite pari a 3,8 Kg di RAEE raccolti per abitante, in linea con l’obiettivo minimo previsto dalla normativa europea. In crescita dell’1% anche i Centri di Conferimento attivi sul territorio nazionale, che arrivano a quota 3.801. 

Questi i dati più significativi che emergono dal Rapporto Annuale 2014 sul Sistema di Ritiro e Trattamento dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche in Italia, a cura del Centro di Coordinamento RAEE, presentato ufficialmente a Milano lo scorso 16 aprile. Andando a vedere le statistiche, come abbiamo visto nel 2014 il Sistema RAEE risulta in generale rafforzato. Segno sicuramente che i cittadini hanno imparato a gestire meglio i RAEE prodotti e che la filiera della raccolta ha raggiunto un livello superiore di efficienza. Un’altra delle cause potrebbe essere anche la ripresa dell’economia Italiana – di cui si sono registarti i primi timidi segnali – che negli scorsi anni, per colpa della crisi, aveva fatto registrare una contrazione dei consumi. La riduzione degli acquisti comporta infatti anche una diminuzione dei rifiuti prodotti, a causa della mancata sostituzione delle apparecchiature obsolete o rotte con apparecchiature nuove.

I dati del Rapporto Annuale RAEE mettono in luce una situazione diversificata all’interno del Paese. Nord e Centro trainano la ripresa della raccolta complessiva, mentre Sud e Isole registrano ancora un segno negativo. Stessa situazione per quanto riguarda la raccolta pro capite, in crescita al Nord e al Centro, ma che registra un -3,79% nel Sud e Isole. Nella classifica delle Regioni, la Valle d’Aosta si conferma anche quest’anno la più virtuosa d’Italia, con una media pro capite di 7,8 kg/ab., mentre andando a guardare la raccolta complessiva al primo posto troviamo la Lombardia, con oltre 49 milioni di kg di RAEE raccolti. Nelle ultime posizioni della classifica troviamo Puglia, Calabria e Sicilia, tutte ancora sotto i 2 kg/ab. di media pro capite, risultato ben al di sotto della media nazionale e degli obiettivi di raccolta europei.

Commenta a tal proposito Fabrizio D’Amico, Presidente del Centro di Coordinamento RAEE“I dati 2014 mettono in luce ancora una volta come la raccolta pro capite sia più elevata laddove i cittadini hanno a disposizione un maggior numero di strutture in cui conferire i propri RAEE. Per raggiungere gli ambiziosi obiettivi di raccolta stabiliti dalla normativa, sarà quindi necessario nei prossimi anni investire nella sensibilizzazione dei cittadini, nello smantellamento delle piccole e grandi barriere burocratiche alla raccolta, ma anche nell’apertura di nuovi Centri di Conferimento in tutto il territorio nazionale e in particolare nell’area Sud e Isole. Per tanti traguardi già raggiunti, ve ne sono ancora altrettanti per i quali il lavoro non è ancora cominciato, o procede a rilento, a partire da quel sistema di raccolta ‘Uno contro Zero’, per il quale si attende, da un anno esatto, un decreto attuativo che potrebbe far emergere i giacimenti di piccoli elettrodomestici non funzionanti che da anni gli italiani accumulano nelle proprie case”.

Inifine, andando a vedere la classifica dei 5 Raggruppamenti RAEE, per il 2014 il più raccolto continua a essere il Raggruppamento 3 (Tv e Monitor), con 68.512.035 Kg di RAEE. Seguono R1 (Frigoriferi e Apparecchiature Refrigeranti)e R2 (Grandi Elettrodomestici). Al quarto posto si conferma R4 (Piccoli Elettrodomestici) % con 39.957.152 Kg, mentre il Raggruppamento 5 (Sorgenti luminose), pur rimanendo al quinto posto, registra la performance migliore in assoluto, con un incremento della raccolta del 14% rispetto al 2013.

You may also like...

Iscriviti alla Newsletter!

Iscriviti per non perdere le news di Nonsoloambiente!