La sostenibilità diventa arte cinematografica

Edison for nature punta a coinvolgere e sensibilizzare i cittadini sul tema dell’impatto ambientale delle azioni dei singoli. Dalla partecipazione pubblica nascerà un cortometraggio a firma di Gabriele Mainetti e Andrea Segre.

Edison for nature punta a coinvolgere e sensibilizzare i cittadini sul tema dell’impatto ambientale delle azioni dei singoli. Dalla partecipazione pubblica nascerà un cortometraggio a firma di Gabriele Mainetti e Andrea Segre.

La sostenibilità è una relazione: la relazione, complessa da gestire, tra uomo e ambiente. Entrambe le parti coinvolte possono essere intese in senso ampio: l’umanità che entra in rapporto con l’intero pianeta oppure, in senso molto più ristretto e immediato, le azioni quotidiane del singolo che determinano conseguenze concrete sull’ecosistema del quale fa parte.

La complessità di questa relazione, nella quale oggi più che mai è fondamentale trovare un equilibrio armonico, emerge a qualsiasi livello di analisi. È la molteplicità delle singole voci a comporre la condotta dell’intera umanità ed è proprio questa varietà l’oggetto dell’iniziativa di “Edison for nature”.

Con lo scopo di sensibilizzare sul tema della sostenibilità, l’azienda ha scelto di coinvolgere il maggior numero possibile di persone nella creazione di una pellicola cinematografica, la quale racchiuderà i migliori 10 contenuti pervenuti su un’apposita piattaforma, dedicata alla raccolta di materiale video, ma anche fotografico o testuale: può essere utilizzato qualsiasi mezzo espressivo per esprimere il proprio concetto di sostenibilità e le proprie idee per un basso impatto ambientale.

Il progetto coinvolge direttamente due importanti nomi della cinematografia italiana: il regista e produttore Gabriele Mainetti, recentemente nelle sale con il film “Lo chiamavano Jeeg Robot”, e il documentarista Andrea Segre. Quest’ultimo riconosce nel progetto “un’urgenza nel cambiare il rapporto tra le fonti di energia e la vita di tutti noi. Bisogna passare dalla consapevolezza all’azione, e Edison for Nature è una bella occasione per raccogliere idee pratiche e avviare il cambiamento”.

È possibile partecipare al concorso fino a fine luglio e, se l’inclusione nel cortometraggio finale non dovesse essere uno stimolo sufficiente, il progetto offre un ulteriore incentivo: un fortunato vincitore potrà essere presente sul set del prossimo film di Gabriele Mainetti.

You may also like...

Iscriviti alla Newsletter!

Iscriviti per non perdere le news di Nonsoloambiente!