FIMA al Festival Internazionale di giornalismo di Perugia

Da oggi 30 aprile al 4 maggio si terrà il Festival Internazionale di giornalismo a Perugia dove operatori della comunicazione di tutto il mondo si riuniranno per discutere del presente e soprattutto del futuro di questa professione.

Da oggi 30 aprile al 4 maggio si terrà il Festival Internazionale di giornalismo a Perugia dove operatori della comunicazione di tutto il mondo si riuniranno per discutere del presente e soprattutto del futuro di questa professione.

Realizzato grazie al crowdfunding, i temi di questa edizione sono: la ricerca di nuovi modelli di business, il futuro dei media in Africa, l’effetto delle rivelazioni di Edward Snowden sul giornalismo, lo stato dei media indipendenti in Russia; la Siria, la guerra, i media e le verità, l’approssimarsi dell’era all-digital, il giornalismo economico-finanzario in Sud America, le donne nei media, la giornata mondiale della libertà di stampa: esperienze a confronto, nuove metriche per la valutazione delle performance online, hate speech e libertà di espressione, i commenti online e l’anonimato, il dominio della comunicazione politica sulla narrazione giornalistica e molti altri…

Il Festival viene ormai considerato uno tra i più importanti media event nel panorama europeo: oltre 500 speaker da tutto il mondo, più di 200 eventi, tutto rigorosamente a ingresso libero inclusi di workshop formativi.

Anche FIMA (Federazione Italiana Media Ambientali) partecipa al Festiva con 3 appuntamenti:

Mercoledì 30 Aprile, tra le 11.30 e le 13 presso la Sala Raffaello dell’Hotel Brufani si svolgerà l’incontro Si fa presto a dire green, organizzato da Giornalisti nell’Erba e patrocinato da FIMA: un dibattito su come si indaga nelle strategie di comunicazione di imprese e prodotti per svelare le trappole del greenwashing. Sempre il 30 Aprile, dalle 16 alle 17 in sala Perugino all’Hotel Brufani, FIMA organizza il workshop “La notizia ambientale nei media italiani: tipologie, specificità e trattamentoa cura di Sergio Ferraris e Marco Fratoddi con taglio storico e metodologico, per condividere alcune linee guida sulla narrazione giornalistica delle tematiche “verdi”.

Giovedì 1 maggio dalle 10 alle 12 presso la sala dei Notari, il convegno “Pianeta rovente. Comunicare il cambiamento climatico oltre il catastrofismo”, insieme a esponenti del mondo scientifico come Stefano Caserini, Luca Mercalli e Alex Sorokin, educatori, performer e operatori della comunicazione come Roberto Cavallo, Veronica Caciagli, Luca Conti, Roberto Giovannini. Coordinano Simonetta Lombardo e Marco Gisotti, presiede Mario Salomone, presidente FIMA.

Per consultare l’intero programma del festival cliccate qui.

You may also like...

Iscriviti alla Newsletter!

Iscriviti per non perdere le news di Nonsoloambiente!