World Press Photo Contest 2017 © Francis Pérez, Spain - Caretta Caretta Trapped

World Press Photo Contest 2017: gli scatti vincitori della categoria Natura

La World Press Photo Foundation ha, anche quest’anno, decretato i vincitori del suo contest fotografico: ecco gli scatti più belli selezionati nella categoria Natura.

80.408 scatti, 5.034 fotografi, 126 Paesi coinvolti: sono questi i numeri di questa sessantesima edizione del contest fotografico World Press Photo. Si tratta di uno dei premi più prestigiosi nel fotogiornalismo e nel racconto digitale, lanciato proprio per valorizzare il giornalismo visivo e la libertà di espressione.

Il concorso fotografico mira a raccogliere i contributi fotografici più belli del pianeta, organizzandoli in diverse categorie:

  • Questioni contemporanee, che raccoglie immagini singole o storie che illustrano problemi culturali, economici, ambientali, politici o sociali;
  • Vita quotidiana, che racchiude immagini singole o storie che documentano gli elementi ordinari o straordinari della vita quotidiana;
  • Notizie generali, che raccoglie immagini o storie su notizie e conseguenze che ne derivano;
  • Progetti a lungo termine, ossia progetti fotografici su un tema singolo condotti da un fotografo individuale o da un gruppo di due o più fotografi per almeno tre anni diversi;
  • Natura, che racchiude scatti che ritraggono paesaggi, flora e fauna;
  • Persone, che raccoglie immagini di personaggi e volti;
  • Sport, che racchiude immagini di sport individuali o di squadra;
  • Spot News, che raccoglie immagini che testimoniano momenti di notizie o eventi immediati.

I lavori pervenuti vengono sottoposti al giudizio di una giuria composta dai principali professionisti del fotogiornalismo. La giuria, completamente estranea alla fondazione, cambia ogni anno.

Osservando la gallery degli scatti vincitori non è difficile rimanere sorpresi: paesaggi, sguardi e colori, prospettive uniche e storie straordinarie hanno animato anche questa edizione del contest, regalando punti di osservazione davvero privilegiati.

Parlando dei progetti che hanno trionfato per la sezione Natura, al primo posto troviamo uno scatto dello spagnolo Francis Perez, fotografo subacqueo. Lo scatto ritrae una tartaruga Caretta Caretta intrappolata in una rete da pesca, nella cornice di Tenerife, Isole Canarie. Questa specie di tartaruga è costantemente minacciata dalla presenza di attrezzi da pesca abbandonati e dallo sviluppo costiero che sta modificando il suo habitat.

La foto è emblematica, così come il significato che grida: più rispetto per chi popola i nostri mari e massima salvaguardia delle specie in via di estinzione.

World Press Photo Contest 2017 © Francis Pérez, Spain – Caretta Caretta Trapped

Al secondo posto tra i progetti singoli troviamo Grande gatto nel mio cortile, uno scatto del fotografo naturista indiano Nayan Khanolkar. La foto ritrae un leopardo che cammina, di notte, attraverso la colonia di Aarey Milk, un insediamento residenziale adiacente al parco nazionale di Sanjay Gandhi, nel suburbano Mumbai.

I leopardi che vivono nel parco si avvicinano all’insediamento urbano in cerca di cibo, sollevando la questione del conflitto fra uomo e animale, che spesso viene catturato per scongiurare eventuali attacchi.

World Press Photo Contest © Nayan Khanolkar, India – Big Cat in My Backyard

Al terzo posto troviamo il fotografo Jaime Rojo, con uno scatto che ritrae una distesa di farfalle monarca intrappolate nella neve nel Santuario delle Farfalle di El Rosario a Michoacán, in Messico.

La zona, infatti, è stata colpita da una tempesta di neve molto violenta tra l’8 e il 9 marzo, ed è in questo periodo che Jaime ha immortalato la sua distesa di farfalle.

Le farfalle sono creature resilienti e possono sopravvivere diversi giorni a temperature inferiori allo zero finché rimangono asciutte. Dopo un generale declino delle popolazioni monarca, con numeri che scendono del 90 per cento dagli anni Novanta, si è registrato un recente aumento e il periodo invernale rappresenta un importante punto di svolta per la specie.

World Press Photo Contest © Jaime Rojo, Spain – Monarchs in the Snow

I premi della World Press Photo Foundation, però, non riguardano solamente gli scatti singoli: diamo un’occhiata più da vicino alle storie della sezione Natura che hanno vinto questa edizione del contest.

La storia al primo posto è quella di Brent Stirton, che ha documentato l’assassinio di un rinoceronte per il suo corno nella riserva di Hluhluwe Umfolozi Game, Sudafrica.

Il corno del rinoceronte, noto per le sue proprietà medicinali, è sempre più richiesto e la specie sta toccando più da vicino la minaccia dell’estinzione. Il sentimento locale sul fenomeno è contrastante: da una parte, c’è chi vorrebbe bandire la pratica e lanciare un divieto di commercializzazione internazionale, dall’altra ci sono i conservatori che credono in un commercio legale dei corni.

World Press Photo Contest © Brent Stirton, South Africa, Getty Images for National Geographic Magazine – Rhino Wars

Al secondo posto tra le storie vincitrici quella di Ami Vitale, che ritrae Ye Ye, un panda gigante di 16 anni. Il panda si trova in un recinto di formazione presso la riserva di Wolong, Sichuan, Cina.

Ad oggi i panda in Cina vengono considerati come una specie vulnerabile, ossia con un rischio di estinzione minore. Uno dei problemi dell’habitat naturale del panda, oltre alle minacce dei predatori, è la scarsità di bambù, di cui l’animale si ciba.

Grazie alla ripresa cinese dell’habitat animale, molti panda allevati in cattività vengono ora reintrodotti in natura.

World Press Photo Contest © Ami Vitale, USA, for National Geographic Magazine – Pandas Gone Wild

A guadagnarsi la medaglia di bronzo per la categoria storie troviamo Bence Maté, fotografo ungherese che ha ritratto dei cervi nella foresta di Gyulaj, parco nazionale di Duna-Dráva, Ungheria.

Gli animali sono stati fotografati all’interno del loro habitat naturale.

World Press Photo Contest © Bence Máté, Hungary – Now You See Me

You may also like...

Iscriviti alla Newsletter!

Iscriviti per non perdere le news di Nonsoloambiente!