SSAB si converte al gas naturale

SSAB è uno dei più grandi produttori mondiali di acciaio ad alta resistenza e a Borlänge sta convertendo uno dei forni di pre-riscaldo del laminatoio a caldo al gas naturale. In questo modo sarà in grado di ridurre le emissioni di monossido di azoto a 300 tonnellate all’anno.

SSAB è uno dei più grandi produttori mondiali di acciaio ad alta resistenza e a Borlänge sta convertendo uno dei forni di pre-riscaldo del laminatoio a caldo al gas naturale. In questo modo sarà in grado di ridurre le emissioni di monossido di azoto a 300 tonnellate all’anno.

Adattando i sistemi energetici in modo da sfruttare maggiornemente le biomasse e da diversificare il rischio usando vari tipi di combustibili, anche le emissioni di biossido di carbonio verranno ridotte a 40.000 tonnellate/anno, mentre le attuali emissioni di 400 tonnellate di biossido di zolfo all’anno cesseranno quasi completamente.  

Il passaggio del forno 302 al gas naturale verrà realizzato in due fasi: la prima nell’estate del 2014 e la seconda, finale, tra la fine del 2014 e l’inizio del 2015. Parte del lavoro verrà eseguito in cooperazione con Borlänge Energi.

Per diventare infiammabile, il gas liquido deve essere riscaldato. A tal fine è possibile sfruttare il calore di ritorno delle tubature della rete di riscaldamento locale. Sfruttando questa energia molto economica, Borlänge Energi sarà in grado di aumentare l’efficienza della sua produzione di elettricità a vantaggio dell’ambiente e degli abitanti di Borlänge” dice Tomas Hirsch, responsabile della gestione strategica dell’energia a Borlänge e Finspång.

You may also like...

Iscriviti alla Newsletter!

Iscriviti per non perdere le news di Nonsoloambiente!