Nasce il Consiglio Nazionale della Green Economy

Fondazione Sviluppo Sostenibile

Dopo il successo degli Stati Generali di Rimini, è stata costituito un Consiglio Nazionale con l’obiettivo di attuare le 70 proposte per lo sviluppo della Green Economy nel nostro paese.

Il neonato Consiglio Nazionale della Green Economy è composto da 53 organizzazioni di imprese provenienti da vari comparti della del settore green ed è una diretta emanazione degli Stati generali della green economy, che si sono svolti a Rimini a novembre del 2012 In occasione delle fiera Ecomondo.

Dopo il successo degli Stati Generali di Rimini, è stata costituito un Consiglio Nazionale con l’obiettivo di attuare le 70 proposte per lo sviluppo della Green Economy nel nostro paese.

Il neonato Consiglio Nazionale della Green Economy è composto da 53 organizzazioni di imprese provenienti da vari comparti della del settore green ed è una diretta emanazione degli Stati generali della green economy, che si sono svolti a Rimini a novembre del 2012 In occasione delle fiera Ecomondo.

Il Consiglio sarà una sede di confronto, di analisi, di proposta e d’iniziativa e ha coinvolto organizzazioni d’imprese di diversi settori per dare più forza e peso a una visione condivisa e a un’azione comune. L’obiettivo è quello di favorire lo sviluppo della green economy in Italia, prendendo come punto di partenza le settanta proposte programmatiche individuate durante gli Stati Generali. Interlocutore privilegiato sarà ovviamente il nuovo governo e in particolare il futuro Ministero dell’Ambiente e quello dello Sviluppo Economico.

Il Consiglio Nazionale – che ha affidato alla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile la funzione di organizzazione e di supporto delle proprie attività – preparerà anche, attraverso gruppi di lavoro, la seconda edizione degli Stati Generali della green economy che si terranno nuovamente a Rimini Fiera nel novembre 2013.

Per leggere il testo integrale con le 70 proposte degli Stati Generali cliccate qui.

You may also like...

Iscriviti alla Newsletter!

Iscriviti per non perdere le news di Nonsoloambiente!