La Giornata Mondiale dell’Ambiente contro lo spreco alimentare

Il 5 giugno si celebra la Giornata Mondiale dell’Ambiente, il tema centrale di quest’anno è il legame tra ambiente e spreco alimentare. Nutrizione e rispetto del pianeta sono anche i temi alla base di Expo 2015, location prescelta per festeggiare la ricorrenza.

Il 5 giugno si celebra la Giornata Mondiale dell’Ambiente, il tema centrale di quest’anno è il legame tra ambiente e spreco alimentare. Nutrizione e rispetto del pianeta sono anche i temi alla base di Expo 2015, location prescelta per festeggiare la ricorrenza.

Ridurre lo spreco di cibo del 50% entro il 2020. Promuovere un’agricoltura sostenibile. Incoraggiare stili di vita sani e combattere l’obesità. Sono questi i tre obiettivi del Protocollo di Milano presentato lo scorso aprile in vista di Expo2015 e rilanciato dalla Fondazione Barilla Center for Food and Nutrition (BCFN) in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente.

Una ricorrenza promossa dall’Onu, che quest’anno dedica una particolare attenzione al legame tra ambiente e spreco alimentare, con il tema “Sette miliardi di sogni. Un Pianeta, Consumare con cautela”, riferendosi anche all’Expo di Milano. “Il tema scelto si rifà all’obiettivo ‘fame zero’ che l’Onu si è posto, ma anche al messaggio dell’Expo 2015 ‘Nutrire il pianeta”, ha spiegato Achim Steiner, direttore del programma per l’Ambiente delle Nazioni Unite.

Secondo i dati presentati dalla Fondazione BCFN, ogni anno 1,3 miliardi di tonnellate di cibo vengono sprecate, un terzo della produzione mondiale. E basterebbe un quarto del cibo gettato via come spazzatura per nutrire 795 milioni di persone che soffrono la fame.

Gli sprechi di cibo avvengono a diversi livelli della filiera alimentare, dalla produzione al consumo finale. Nello studio della Fao intitolato “Global Food Losses and Food Waste” (Perdite e spreco alimentare a livello mondiale) si legge che perdite e sprechi alimentari sono fortemente condizionati dalla situazione economica specifica dei vari Paesi. Mentre per i Paesi in via di sviluppo c’è molta strada da fare per ridurre le perdite nella prima parte della filiera alimentare, a livello di produzione, raccolto e lavorazione, nei Paesi sviluppati i maggiori problemi si hanno a livello di vendita al dettaglio e consumo finale. Tuttavia, complessivamente, non sembra esserci differenza tra Paesi industrializzati e quelli in via di sviluppo in termini di quantità di cibo sprecato, rispettivamente 670 e 630 milioni di tonnellate.

A farne le spese è anche l’ambiente. Le tonnellate di cibo che non vengono utilizzate si traducono infatti in miliardi di tonnellate di CO2 prodotte inutilmente e in milioni di metri cubi d’acqua sprecati. Come riporta la Fondazione BCFN “Il Carbon footprint globale del cibo perso e sprecato a livello globale è di circa 3,3 miliardi di tonnellate di CO2 ed equivale al 6-10% circa delle emissioni di gas serra antropogenetiche, cioè prodotte dall’uomo”.

In Europa il 42% degli sprechi alimentari avvengono tra le mura di casa. 89 milioni di tonnellate di cibo sprecato, una media di 180 kg pro capite. In Italia ogni anno finiscono tra i rifiuti dai 10 ai 20 milioni di tonnellate di prodotti alimentari: 35% dei prodotti freschi (latticini, carne, pesce), il 19% del pane e il 16% di frutta e verdura. Per un valore di circa 37 miliardi di euro. Un costo di 450 euro all’anno per famiglia. Cibo che basterebbe a sfamare, secondo la Coldiretti, circa 44 milioni di persone. E si aggiungono gli enormi costi ambientali: lo spreco di cibo in Italia determina una perdita di 1226 milioni di m3 l’anno di acqua e produce l’immissione nell’ambiente di 24,5 milioni di tonnellate CO2 l’anno, di cui 14,3 milioni per gli sprechi domestici.

You may also like...

Iscriviti alla Newsletter!

Iscriviti per non perdere le news di Nonsoloambiente!