Italia, foreste in crescita: un terzo del Paese è verde

L’aumento delle zone forestali si traduce in una maggiore tutela della biodiversità e nel contenimento delle particelle inquinanti nell’atmosfera, permettendo l’avvicinamento agli obiettivi del Protocollo di Kyoto.

di Martina Pugno

L’aumento delle zone forestali si traduce in una maggiore tutela della biodiversità e nel contenimento delle particelle inquinanti nell’atmosfera, permettendo l’avvicinamento agli obiettivi del Protocollo di Kyoto.

Una vera e propria avanzata verde sta conquistando l’Italia: molto presto le foreste ricopriranno un terzo del territorio nazionale. Questi i dati relativi al terzo Inventario nazionale delle foreste e dei serbatoi forestali di carbonio, che ha rivelato come, tra pochi mesi, la superficie forestale raggiungerà la cifra record di 11 milioni di ettari, con un incremento di 600mila ettari dal 2005.

A guidare lo sviluppo dei polmoni verdi italiani è il Sud Italia, con alcune regioni particolarmente virtuose: in dieci anni, le foreste sono aumentate del 17% in Molise, del 16,2% in Sicilia, dell’11.1% in Basilicata, del 10.5 in Lazio e del 9.9% in Calabria. Leader della classifica delle Regioni con maggiori aree verdi si conferma, invece, la Sardegna, con 1.2 milioni di ettari di foresta.

I dati e la tendenza allo sviluppo delle aree forestali lasciano ben sperare anche per quanto riguarda la lotta contro il consumo di suolo: proprio in favore di questa battaglia Legambiente ha recentemente sfoderato una nuova arma tecnologica, un portale open data per la mappatura e la raccolta di informazioni su tutto il territorio nazionale.

L’aumento delle zone verdi è una vittoria ambientale, che permette la tutela della biodiversità, in particolare, nelle aree montane, ma anche una vittoria economica: la presenza di numerose aree verdi contrasta l’inquinamento atmosferico, permettendo al nostro Paese di avvicinarsi maggiormente agli obiettivi europei. Secondo i dati diffusi dal Corpo Forestale dello Stato, autore dello studio in collaborazione con il Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura, il contributo delle aree boschive alla pulizie della nostra atmosfera è tutt’altro che marginale: i boschi italiani trattengono 1.24 miliardi di tonnellate di carbonio organico, mitigando i cambiamenti climatici e immobilizzando enormi quantità di particelle inquinanti.

You may also like...

Iscriviti alla Newsletter!

Iscriviti per non perdere le news di Nonsoloambiente!