Inquinamento domestico, come difendersi in 9 mosse

L’inquinamento indoor è una minaccia reale e diffusa, ma poco conosciuta. Informarsi è la prima contromisura efficace, ma come difendersi nel concreto? Ecco 9 consigli pratici per contrastare l’inquinamento domestico.

Aria di casa al veleno: fra le mura domestiche, nascosti in oggetti, materiali e prodotti di pulizia, si annidano rischi reali sconosciuti ai più. Secondo una recente ricerca effettuata dall’Osservatorio di Sara Assicurazioni, l’80% degli italiani sostiene che informarsi sia il miglior modo per contrastare queste minacce. In che modo? Il 40% vorrebbe ricevere informazioni utili dalle istituzioni, il 30% si affiderebbe invece a dispositivi tecnologici in grado di fare un check-up della propria casa e il 9% richiederebbe l’intervento di personale a domicilio per rilevazioni e mappature.

Una volta conosciuto il problema, come contrastarlo concretamente con scelte e comportamenti quotidiani? Ecco qualche suggerimento pratico:

  1. Aprire le finestre regolarmente

Areare gli ambienti due volte al giorno, scegliendo orari come la mattina e la sera, per evitare di introdurre in casa inquinamento esterno nei momenti di maggiore traffico. Ricordarsi di aprire sempre la finestra dopo aver cucinato, anche in assenza di odori: gli idrocarburi policiclici aromatici sono inodori, ma non per questo meno nocivi.

  1. Non fumare in casa

Il fumo passivo è considerato il maggiore fattore di rischio per quel che riguarda l’inquinamento indoor. Astenersi dal fumare in ambienti chiusi elimina un problema particolarmente insidioso alla radice.

  1. Leggere le etichette e decodificare le icone

Prima di ogni acquisto, è bene leggere attentamente le etichette dei prodotti per identificare le eventuali sostanze nocive.  Allo stesso modo, è opportuno imparare a decodificare le icone di pericolo (un teschio, facilmente identificabile, e una croce di colore nero su sfondo arancione).

  1. Scegliere soluzioni naturali per la pulizia della casa

Per la pulizia della casa, è opportuno preferire  prodotti naturali: sapone di Marsiglia, aceto, bicarbonato, acido citrico sono soluzioni naturali, efficaci ed economiche per un’accurata detersione degli ambienti e della persona.

  1. Spolverare frequentemente

La polvere costituisce un ambiente ospitale per gli acari e un pericoloso veicolo di allergeni. Evitare l’accumulo di libri e riviste così come tendaggi pesanti, spolverare frequentemente e passare regolarmente l’aspirapolvere, soprattutto in camera da letto, aiuta a ottenere un ambiente più sano.

  1. Controllare l’umidità presente in casa

Controllare l’umidità, che non deve superare il 40-50% per evitare la comparsa di macchie di muffa, la proliferazione di funghi, acari e tutta una serie di sostanze allergizzanti. Può essere utile aprire la finestra del bagno dopo ogni doccia, in modo da non creare condense. Per lo stesso motivo, lasciare socchiusa una finestra anche in cucina in modo da disperdere l’umidità che si crea ia causa dei vapori di cottura. Quando possibile, stendere i panni all’esterno.

  1. Curare la manutenzione degli impianti

Assicurarsi che gli impianti del gas e tutti i dispositivi che bruciano gas o altri combustibili siano ben installati, e curarne la manutenzione. Cambiare i filtri dei condizionatori a ogni inizio stagione e, nel periodo di utilizzo, lavarli con acqua e sapone ogni due settimane per evitare batteri e germi che si annidano all’interno.

  1. Dotarsi di piante da appartamento capaci di ripulire l’aria

Piante da appartamento come ficus, aloe vera e edera aiutano a riossigenare l’ambiente domestico, purificandolo da molte sostanze nocive.

  1. Dedicare attenzione ai peli degli animali domestici

Considerare che anche gli animali domestici sono fonte di batteri e allergeni. Fondamentale, dunque, spolverare più volte a settimana e servirsi di aspirapolvere muniti di filtri, che trattengono il pulviscolo. E’ inoltre consigliabile spazzolarli con regolarità e pulire le zampe con un panno umido ogni qualvolta ritornano a casa da una passeggiata.

You may also like...

Iscriviti alla Newsletter!

Iscriviti per non perdere le news di Nonsoloambiente!