“Forest For Future” tutela foreste e biodiversità

L’associazione Forest for Future mira ad aumentare la sensibilità sul mercato italiano intorno alla protezione di foreste primarie e alla tutela delle biodiversità. Già siglato un accordo con Fondazione Belantara per un programma di conservazione ambientale in Indonesia.

Collaborare concretamente alla difesa della biodiversità nelle aree più preziose e a rischio del Pianeta”: questo l’intento della nascente associazione senza scopo di lucro Forest For Future, dichiarato dal Presidente Francesco Bertolini durante la presentazione avvenuta a Milano lo scorso 17 ottobre.La collaborazione avviata con i partner che condividono la missione di Forest For Future nasce dall’incontro tra realtà che hanno sviluppato competenze, conoscenze e reti nell’ambito della sostenibilità e dell’economia circolare e promuovono una visione estesa della responsabilità sociale d’impresa che comprenda la tutela di aree forestali ad alto valore di biodiversità.

Promotore dell’iniziativa in Italia è Green Management Institute che, insieme a partner internazionali, si impegna a promuovere una cultura sostenibile capace di tenere nella dovuta considerazione l’impatto che il settore cartario ha dal punto di vista ambientale, economico e sociale, in un percorso completo e puntale che va dall’albero al corretto riciclo dei prodotti cartari.

In particolare “Forest For Future”, rivolta a soggetti pubblici e privati, mira ad aumentare la sensibilità sul mercato italiano intorno ai temi legati alla conservazione di foreste primarie e alla tutela delle biodiversità. Un obiettivo importante, che diventa fondamentale a fronte del fatto che, nella sola Italia, l’utilizzo di imballaggi cellulosici è superiore a 4 milioni di tonnellate l’anno; di queste, il 57% è riferito a usi alimentari.

Come primo passo, l’Associazione ha siglato un accordo con Belantara Foundation, ONG indonesiana che provvederà ai fondi e alla gestione di progetti di conservazione e tutela in Indonesia, tra cui un programma agroforestale già in via di implementazione in centinaia di villaggi.

La Fondazione Belantara punta a ottenere supporto a livello internazionale per la protezione e il recupero delle foreste in 10 luoghi chiave di Sumatra e Kalimantan, per una superficie totale di 1 milione di ettari. Punti fondamentali del programma sono il coinvolgimento delle comunità, della società civile, dei governi e delle imprese per il monitoraggio del recupero delle aree forestali; la protezione delle specie faunistiche e della  biodiversità a rischio; lo sviluppo economico-sociale delle comunità locali.

Le foreste giocheranno un ruolo cruciale nei prossimi 300 anni e oltre” afferma l’UNECE, commissione delle Nazioni Unite per l’integrazione economica europea, ricordando in un elenco tutti i motivi per cui tutelare il patrimonio forestale globale è senz’altro una buona idea. “Le foreste sono fra le principali risorse naturali rinnovabili a disposizione dell’umanità. Ci si aspetta che contribuiscano a mitigare il cambiamento climatico, a proteggere il suolo e l’acqua, a procurare aria pulita, a conservare la biodiversità, oltre a fornire fibra di cellulosa e altri prodotti. Il futuro dell’umanità dipenderà in larga misura da come essa saprà gestire le sue foreste”.

You may also like...

Iscriviti alla Newsletter!

Iscriviti per non perdere le news di Nonsoloambiente!