Fare i conti con l’ambiente: sguardo a tutto campo sul mondo della sostenibilità

La decima edizione della rassegna “Fare i conti con l’ambiente” ha attratto moltissimi partecipanti nel centro storico di Ravenna per affrontare i temi della mobilità sostenibile, della rigenerazione urbana e della filiera del riciclo.

Tre giorni di formazione, informazione, analisi del presente e sguardo verso il futuro: così si può riassumere la decima edizione di “Fare i conti con l’ambiente”, manifestazione che si è svolta tra il 17 e il 19 maggio animando le vie del centro storico cittadino.

Mobilità sostenibile e filiera del riciclo sono stati i temi più trattati durante lo svolgimento del ricco programma di eventi, ma non solo: la rassegna è stata scelta come contenitore per la presentazione del Progetto GREENPORT e CLEANPORT – Strategie di sviluppo sostenibile per il porto di Ravenna, un progetto di riqualificazione dell’area portuale cittadina che ha visto il coinvolgimento di Fondazione Flaminia, Tecnopolo della Nautica e Certimac, insieme ad aziende operanti in loco.

La proposta di riqualificazione dell’area prevede l’installazione di impianti fotovoltaici sui capannoni della zona portuale, un piano di mobilità sostenibile tramite l’uso di veicoli elettrici ed energia elettrica anche come fornitura per ricaricare le navi ferme in porto, limitandone così l’inquinamento.

Dalle strategie locali, si passa ai progetti europei presentati durante questa decima edizione di “Fare i conti con l’ambiente”. Durante la rassegna è stato presentato il progetto LOCATIONS – Low Carbon Transport in Cruise Destination Cities – Riduzione delle emissioni inquinanti nella mobilità legata al turismo crocieristico. Ravenna è in prima fila: delle sette città aderenti al progetto, è l’unica a poter contare sulla collaborazione dell’Autorità Portuale e della Regione Emilia Romagna. LOCATIONS coinvolge inoltre Trieste, Lisbona, Malaga, Zara, Fiume e Durazzo. Il progetto, già attivo, punta a progettare soluzioni per la mobilità sostenibile di persone e merci, preservando le risorse naturali, culturali e paesaggistiche delle aree coinvolte. In particolare, LOCATIONS mira a ridurre l’impatto del turismo crocieristico, in rapida crescita in Italia (secondo gli studi di settore, solo nel 2015 il numero di passeggeri nei porti italiani ha superati gli 11 milioni).

Il secondo progetto nell’ambito della mobilità sostenibile ad aver trovato in “Fare i conti con l’ambiente” un degno palcoscenico è Innova SUMP – Innovations in Sustainable Urban Mobility Plans, più genericamente dedicato alla mobilità urbana sostenibile. Il progetto europeo mette a disposizione fondi per innovazioni nel campo della mobilità sostenibile, nella rigenerazione urbana, nell’inclusione e nella coesione sociale.

Interessante anche il focus sul tema della filiera del riciclo che, secondo i dati presentati da Humana, Occhio del Riciclone e Utilitalia occupa circa 80.000 persone in Italia e sottrae allo smaltimento centinaia di migliaia di tonnellate di materiali, per un giro d’affari di circa 3 miliardi l’anno.

Dalle iniziative dall’alto a quelle dal basso, dunque, la sostenibilità ha mostrato la sua eclettica anima a Fare i conti con l’ambiente, con uno sguardo a tutto campo su opportunità e possibilità.

You may also like...

Iscriviti alla Newsletter!

Iscriviti per non perdere le news di Nonsoloambiente!